Imprese e sindacati su zone produttive

I rappresentanti delle associazioni di categoria economiche e delle organizzazioni sindacali hanno sottoscritto un documento comune riguardo al futuro delle zone produttive, in particolare con riferimento all'elaborazione dei piani comunali di classificazione acustica. Il documento, firmato da Assoimprenditori, Cna-Shv, Confartigianato Imprese, Cgil/Agb, Cisl/Sgb, Uil/Sgk e Asgb chiede che "le zone produttive restino dedicate alla loro funzione principale, quella di essere luoghi di produzione e di lavoro". "Siamo convinti - sostengono i firmatari - che garantire lo sviluppo sostenibile di queste aree possa assicurare anche in futuro la creazione di occupazione e ricchezza nella nostra terra. Al contrario, limitare la competitività delle imprese manifatturiere con vincoli sempre più stringenti mette a rischio i posti di lavoro". Preoccupano, soprattutto, piani comunali di classificazione acustica che "non sono dei 'semplici' documenti tecnici, ma rappresentano dei veri piani di programmazione strategica.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Terlano

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...